Buona visione.

Qui di seguito metto tre video due “istituzionali” (museo di Ivrea e Santiago de Compostela) e un terzo di una società privata che usa in modo intelligente lo strumento della proiezione visiva. Tre esempi di come viene usato correttamente questo nuovo strumento (videomapping). Vedrete che, nei primi due casi, non c’è nessuna superficialità e l’immagine oltre ad essere didattica non è banale; è portatrice di senso. Non si usa il bene culturale, oggetto dell’analisi, per altri fini, ma diventa soggetto di una narrazione. Personalmente credo che quando si accetta di diventare responsabili di un museo e di proporre cultura a terzi si debba pretendere il meglio, soprattutto quando ci sono i mezzi per farlo. Ah! Una ultima considerazione tutte e tre le proiezioni erano, per gli spettatori, gratis con qualche invito, questo si.

In attesa!

barzanti-licinio-1857-1944-ita-la-tentazione-2726202-500-500-2726202

Sono in attesa delle repliche agli articoli e alle interviste che ho fatto sulla Divina Bellezza, mi attendo, in modo particolare, quella di Roberto Barzanti fiducioso, aspetto, perché so che arriverà. Il tema è troppo ghiotto per non essere affrontato dal presidente della Biblioteca degli Intronati. Persona autorevole che con il suo solito fare saprà sicuramente trovare una linea obliqua capace di mettere d’accordo tutti gli animi e pacificarli in una sintesi ricolma di aggettivi. A me darà la possibilità di tornarci ancora una volta sopra e raccontare quello che ancora non ho ne detto, ne scritto, suvvia alla penna, meglio al computer!