Sandro Roggio, Firenze non è un dettaglio. E neppure Renzi