Tomaso Montanari, La “valorizzazione” di Franceschini