Il Tar del Lazio boccia la nomina dei direttori di cinque musei voluti da Franceschini: «Criteri irregolari e magmatici». Contestata la selezione a porte chiuse dei dirigenti stranieri. Il ministro: «Figuraccia mondiale». E Renzi va all’attacco dei magistrati.